Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookies policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

0 Item

Carrello(0)

Non ci sono più articoli nel tuo carrello
Iva inclusa 0,00 €
Totale (Tasse incl.) 0,00 €

Istruzioni acquisto su Climaprice.it

MESSAGGIO A TUTTI GLI UTENTI: Questa azienda NON aderisce al nuovo decreto del 1° Luglio 2019 inerente allo sconto immediato del 50%

Per usufruire delle detrazioni fiscali, dopo aver aggiunto i prodotti al carrello verificandone la quantità da ordinare, è obbligatorio seguire questa breve procedura:

  1. registrarsi inserendo le informazioni richieste, email e nuova password
  2. indicare prima l'indirizzo di spedizione e in seguito quello di fatturazione (se differente) spuntando l'apposita casellina
  3. scegliere la modalità di pagamento "Bonifico"
  4. confermare ordine

PRIMA di effettuare il pagamento è necessario richiedere la fattura al nostro indirizzo email info@climaprice.it e "soltanto dopo averla ricevuta" si potrà effettuare il bonifico seguendo attentamente le istruzioni contenute nella nostra email di risposta. (Per maggiori info contattaci)

Attenzione: con la legge di bilancio 2017 (legge n. 232 dell'11 dicembre 2016) è stata prorogata fino al 31 dicembre 2019 la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. E’ prorogato fino al 31 dicembre 2019 anche il Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici. E' stata inoltre introdotta, per il periodo compreso tra il 1 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021, una detrazione d'imposta del 50% per le spese sostenute per l'adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1,2 e 3). 

Detrazioni 65%

I climatizzatori in pompa di calore che forniscono sia riscaldamento che raffrescamento, a condizione che siano ad alta efficienza (come definito dal Vademecum dell’Agenzia delle Entrate) e che siano installati in sostituzione dell’impianto di riscaldamento esistente, beneficiano delle detrazioni fiscali del 65% per le opere finalizzate al risparmio energetico. I valori minimi per l'applicazione dell'ecobonus dovranno essere: EER 3,40 COP 3,90 che diventano rispettivamente 3,23 e 3,71 considerando la riduzione del 5% prevista per i sistemi dotati di inverter, come stabilito nel D.M. 19 febbraio 2007, già modificato dal D.M. 26 ottobre 2007 e coordinato con D.M. 7 aprile 2008 e con D.M. 6 agosto 2009, attuativo della Legge Finanziaria 2008 (Decreto edifici”).

Detrazioni 50%*

  1. 1) Nel caso di ristrutturazione edilizia rientrano nella detrazione del 50% i climatizzatori con pompa di calore anche non ad alta efficienza, purché il condizionatore possa essere usato anche per il riscaldamento nella stagione invernale, a integrare o a sostituire l’impianto di riscaldamento già esistente. L’installazione  di  un  climatizzatore  d’aria, in assenza di altri lavori di ristrutturazione, rientra comunque nell'ambito dei lavori per i quali si ha diritto ad accedere alla detrazione fiscale dall'IRPEF del 50% su 10 anni, purché il climatizzatore sia in pompa di calore, ma ad oggi lo sono quasi tutti.

  2. 2) Con il Bonus Mobili rientrano nella detrazione del 50% i condizionatori con etichetta energetica A+ o superiore installati dopo una ristrutturazione edilizia. L’acquisto è comunque agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo. L’agevolazione è stata prorogata dalla recente legge di bilancio anche per gli acquisti che si effettuano nel 2019, ma può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato non prima del 1° gennaio 2018. Per gli acquisti effettuati nel 2018, invece, è possibile fruire della detrazione solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2017.

*In analogia a quanto già previsto in materia di detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, dal 2018 occorre trasmettere per via telematica all’ENEA le informazioni sugli interventi terminati nel 2018, che accedono alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie (Bonus Casa) che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

L’INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE ALL’ENEA VA EFFETTUATO ATTRAVERSO IL SITO https://ristrutturazioni2018.enea.it (per i lavori 2018) oppure dal seguente link per l'anno 2019 https://bonuscasa2019.enea.it/

L’invio deve avvenire entro il termine di 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo. Soltanto per gli interventi la cui data di fine lavori (collaudo) è compresa tra il 01/01/2018 e l’21/11/2018 il termine dei 90 giorni decorre dal 21/11/2018. A causa dell’interruzione del servizio del sito per l’invio della documentazione relativa alle detrazioni del 50% (bonus casa) si avvisano gli utenti che la scadenza per l’invio della documentazione per gli interventi con fine lavori antecedente al 21/11/2018 è prorogata al 21 febbraio 2019.

Per le condizioni di ammissibilità degli interventi si rimanda, per maggiori dettagli, all'opuscolo dell’Agenzia delle Entrate “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali” – edizione Maggio 2019.

Per beneficiare della detrazione del 50% per l’acquisto e l’installazione di un climatizzatore d’aria è necessario effettuare il pagamento mediante bonifico bancario o postale in cui sia indicata:

  1. 1) la causale del versamento, con riferimento al numero di fattura (non al numero ordine) e alla norma che consente l'agevolazione (articolo 16-bis del Dpr 917/1986)

  2. 2) il codice fiscale di chi paga e accede all'agevolazione

  3. 3) il codice fiscale o la partita IVA del beneficiario del pagamento (chi vende il climatizzatore).

Basta dirlo allo sportello della tua banca quando fai il pagamento oppure usa l’apposita funzione sull’home banking dal tuo telefono o dal tuo computer, se questa funzione è presente.